Differenza di sofferenza


Credo che poi tutto dipenda dalla materia grigia.
Oltre ad allenare il cuore a determinati sforzi bisogna allenare anche il cervello alla sofferenza intensa.
Ma cominciamo dall'inizio.
Le analisi dicono quello che già mi aspettavo, colesterolo un po alto (causa la sera precedente al prelievo, non sono stato attento, anzi ho esagerato di proposito) e ferro sotto i minimi.
Dunque ho ripreso la cura del ferro e mi sforzo a brucare erba di campo (insalata e affini)
Ma i miei risultati negativi negli allenamenti continuano ad accumularsi, giorno dopo giorno.
Ormai parliamo dal famoso 25 Aprile dove nella Mezza di Rieti avevo due ciocchi che non riuscivano ad andare sotto i 4,28 al km
Da li in poi nessun lavoro mi è più riuscito, i 1000 le variazioni i medi ....niente.
Sensazione provata, primi km tutto ok, ritmi buoni, recuperi anche .....ma dopo c'è un calo improvviso, all'incirca sul 4°km, o comunque intorno al 20° minuto di allenamento intenso.
Tutto spento, gambe che si appesantiscono e il costante pensiero di lasciar perdere, tanto è inutile continuare, i ritmi iniziali non li rifaccio.
Parto troppo forte?
Non credo, ieri i 1000 li stavo facendo a 4/km recupero 2min.30sec attivo a 4,55
al 4° sono passato sui 500 a 2.10 e me so fermato.

Sono 2 mesi circa che sto facendo lavori brevi e intensi, non li ho mai fatti seriamente.
Ho sempre fatto corsa lenta, lunghi o ripetute da 2000 e 1500 a ritmi per la maratona, portando discreti risultati.
Giorni fa scrivevo 'mi sto trasformando'
Forse si, ma ripetere costantemente quei tempi veloci non è poi così facile, bisogna avere pazienza, e tanta tanta forza interiore.
Ora capisco la solita frase sentita più volte, anche oggi Giuseppe me l'ha riscritta,
'fare una 10k sotto i 40 è molto più duro che fare una maratona sotto le 3h,30'

Credo che devo solo abituare la mente a sopportare meglio lo sforzo breve e intenso, fino ad ora era abituata a soffrire poco per tanto tempo, ora devo passare a tanto soffrire per poco tempo.

Nel frattempo la mia autostima cresce, sono un pò abbattuto perchè non vedo i risultati, ma ho fiducia in me

Commenti

  1. Giancà sono sicuro che volevi scrvivere forza interiore, lo so quella forse mi manca! :P

    RispondiElimina
  2. magliesami li hai fatti dopo la cena al cantinone ??

    RispondiElimina
  3. Dal tono del tuo post pensavo fossi depresso per i tuoi risultati, invece alla fine esce fuori un ottimismo da bicchiere perennemente mezzo pieno comunque lo si guardi.

    Alla fine credo che questa caratteristica sia quella che davvero fa la differenza e che ogni giorno ci riporta a correre incuranti di tutto.

    Certo pure tu, fare gli esami dopo la cena al cantinone...

    RispondiElimina
  4. premesso che non sono d'accordo con giuseppe (sono un fautore del 'tutto è relativo'), forse dovresti semplicemente concederti una pausa visto che viene da una stagione molto impegnativa.... e un'altra è già alle porte!

    RispondiElimina
  5. Vai Gianlù,è bello che hai autostima in te stesso ,per farti coraggio oggi mi sono iscritto alla Eco Maratona di Roma.

    RispondiElimina
  6. tu pensa ke le analisi quelle annuali x il lavoro intendo avevano il colesterolo sballato, sulle note c'era scritto "mettersi a dieta stretta" ah ah ah !!!!
    le ho fatte il martedi' dopo la dom di pasqua e il lunedi di pasquetta ....
    te lascio immaggina' come stavo!!!
    x il ferro mangio spesso... molto spesso spinaci, carciofi e lentikkie, se vai su www.adieta.it,c'e' la voce COMPOSIZIONE DEGLI ALIMENTI, daje n'okkiata!!!

    RispondiElimina
  7. Mah, pure io son contrario a quanto detto da Giuseppe, stare sotto a 40 minuti sui 10000 e sotto le 3:30 on due cose diametralmente opposte, altro sforzo e altra testa... certo, fare un 10000 sotto a 40 aiuta molto per le distanze più lunghe perchè aumenta la tua velocità di base...ma compararli mah non saprei.
    Aripijate!!!!

    RispondiElimina
  8. ciao! Beh, prima di tutto hai ragione nel dire che per uno che e' abituato solamente alle lunghe distanze passare agli allenamenti per i 10k e' dura, almeno il primo mese. E poi di testa devi voler soffrire, senno' manco inizi a tirare.
    Per il colesterolo, i suoi valori non dovrebbero essere influenzati dall'alimentazione del giorno precedente. Inoltre, contano molto anche fattori esterni e soggettivi, ci sono persone che a parita' di alimentazione (cosiddetta "corretta") ne producono diverse quantitá.

    Per la comparazione sui tempi, se uno e' in grado di correre un 40' nei 10k, indicativamente se si allena bene per la maratona la puo' correre in 3h15 circa (libro di Orlando Pizzolato). Poi anche qui le componenti soggettive aerobiche - anaerobiche determinano delle variazioni, ma indicativamente significa che e' piu' "tosto" un 40' nei 10k che un 3h30' nella maratona...
    ciao!

    RispondiElimina
  9. Esatto due cose differenzti un 10000 e una Maratona, testa e allenamenti diversi, perciò che non mi vengano a dire che esiste facilità di allenamento nella corsa.
    Invece per il tuo problema io ho risolto nel variare allenamenti (anche altri sport) per poi avere più motivazioni e più voglia di correre.
    Ciao Master Romanooooo
    Ciao Nick

    RispondiElimina
  10. Ti dovrai preoccupare se queste cose ti succederanno fra un anno (sempre che continui ad allenarti cosi'....).
    E' normale... sono ritmi che devio assimilare piano piano...
    Sei passato da fare la tartaruga in letargo al leprotto in amore... ;D
    Dai tempo al tuo fisico di assimilare queste andature...

    RispondiElimina
  11. Non è che il Fe basso si faccia sentire ????

    RispondiElimina
  12. Nino, no le ho fatte prima, ma la cena era sempre una di quelle 'leggere'!

    Marco sono più abbattuto di quello che pensi, ma non è quello che mi fermerà!

    Yogi se guardi però i tempi minimi che uno deve fare in una mezza per poter correre una maratona entro le.....bla bla bla ... ci siamo.
    Poi anch'io credo sia tutto relativo, ma ti assicuro che sto faticando tanto rispetto a tutto quello che ho fatto fin'ora.
    Una pausa, no, per ora batto il ferro, almeno fino a fine anno.

    Franco, l'ho sempre saputo che avresti ceduto, vedi quello che poi fa è!!

    RispondiElimina
  13. Orlà, mo ce passo a vede quel sito grazie

    Alvin, compararli no, ma convieni che è una fatica completamente diversa. Sto nelle 3,30 a occhi chiusi in maratona, sulla 10k ancora non riesco sotto i 40, per me (soggettivamente) è più dura, e sicuramente me lo dice perchè mi conosce. Poi ovvio che siamo tutti diversi, Brant a suo tempo aveva tranquillo i 39 sui 10k ma in maratona non è mai arrivato alle 3,30.

    A proposito, Brant, ma allora?

    RispondiElimina
  14. Paolo quello che credo anch'io, è più dura.
    E' normale che poi queste 'regole matematiche' sono fatte per essere smentite, siamo tutti diversi

    Nick bentrovato, anche se non lo sai ti sto seguendo stretto (ho i miei informatori!)
    Ogni tanto alterno la bici alla corsa, peccato non ho i bei sentieri montani da 'scalare' come quelli vicino casa tua! :(

    Bucci, lo sai meglio di me che quando cominci a vedere certi tempi non vedi l'ora di rifarli. E quando vedi che a distanza di 8 giorni ancora non riesci a rifarli ti rode letteralmente il culetto! ;)
    La pazienza c'è, aspettiamo e vediamo

    RispondiElimina
  15. Michè, credo proprio di si, ieri ho rifatto un po di variazioni di velocità e ho sofferto molto meno.
    Ho ricominciato a prendere il FE da tre giorni.
    ...sarà effetto placebo? :|

    RispondiElimina
  16. Ciao,
    ho letto anche il post precedente !....il ferro è una brutta bestia, io sono sempre al limite....mi è capitato di fare pure endovena !
    Carica con le pastiglie !...ricordati la vitamina C, io compenso con frutta e succhi....niente pastiglie !

    Tutti i giorni mangio miele, una miniera d'oro !!!

    Lascia stare il magnesio....l'urina deve essere sempre limpida come l'acqua, bevi tanta acqua....e ogni tanto birra !
    Dopo allenamenti intensi, appena arrivi a casa bevi un bicchiere di succo d'uva !.....molto meglio di quelli che prendono aminoacidi (solo commercio !...).

    SUERTE !!!

    RispondiElimina
  17. DIEGO .. SUCCO D'UVA ALCOLICO ?

    RispondiElimina
  18. Diego la vitamina C in effetti anche quella ne mangio poca.
    Ma come dice Stoppre, succo d'uva in che senso?
    Vino?

    RispondiElimina
  19. Ah ah ah.....succo d'uva solo un bicchiere !.....vino almeno una bottiglia....se no non incomincio neanche !!!....ah ah ah....

    RispondiElimina

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi