BREAKING NEWS

lunedì 18 aprile 2011

Arrivare al traguardo, stop

Ho cominciato a correre da zero, con l'obiettivo poi di correre la mia prima maratona.
Senza pretese, arrivare al traguardo e alzare le mani al cielo.
Roma 2005 è stato il mio primo sogno realizzato, impresa una volta per me impossibile che è diventata realtà.

Oggi guardo con gli stessi occhi (?) il 70.3, ma non sono sicuro, penso troppo ai tempi delle varie frazioni perdendo di vista l'obiettivo primario, arrivare al traguardo.

La settimana scorsa parlavo con una persona che ha buoni tempi sui 10k (35) e non ha mai corso una maratona, e si discuteva se era meglio affrontare la maratona da tapascione come ho fatto io, quasi strisciando all'arrivo ma con una gioia e soddisfazione alle stelle, oppure affrontarla come dovrebbe fare lui, chiudendola sotto un certo tempo, che lui già aveva in mente.

A volte perdiamo di vista il fine, accecati da tutto quel contorno che in sostanza non ci porta niente, o quasi, di buono.

28 commenti :

  1. Ecco bravo, lascia perde i tempi tanto ...te sono(leggi suono) ;DDD

    RispondiElimina
  2. Giancà mi riferivo a Pescara, tu ormai hai le ore contate! :P

    RispondiElimina
  3. parlo personalmente... e arrivare e stop, niente tempi, niente velocità, spesso rischiano solo di non farti godere l'impresa che stai facendo. Uomo, se passerai sotto il traguardo del 70.3 e ti verrà data la medaglia di finisher entrerai a far parte del mondo dei supereroi!!!
    E come dice Aldo Rock... "Uomo, ricordati che non sarà l’ultima notte del mondo, sarà la tua PRIMA NOTTE DA EROE!!!"

    RispondiElimina
  4. Gianlù,pensa solo a finirla e prenderti quella Medaglia,

    RispondiElimina
  5. Credo che sia giusto alternare le cose in base all'umore ovvero può essere estenuante avere un obiettivo cronometrico così come arrivare alla fine di una gara senza essere preparati a dovere..Io vado a momenti!Tempo fa presi una suonata x cercare un PB che è stata una lezione di vita ;)

    RispondiElimina
  6. Dipende dalle volte, dal carattere, dal tuo passato. Quel tuo amico che fa 35' sui 10k difficilmente l'affronterà per finirla, perchè la sua storia non porta lì. E non è nè giusto nè sbagliato. Io generalmente se corro senza obiettivo mi annoio, ma è carattere. Anche la mia prima maratona l'ho corsa con l'intento preciso di andare sotto le 3 ore. Ma l'obiettivo in fondo non l'ho mai perso, e ognuno ha il suo. Certo, come ha scritto Arirun, qualche suonata ogni tanto arriva, ma fa parte del gioco.

    RispondiElimina
  7. più importante il percorso che il traguardo bla bla bla... vedi di uscirne vivo, anche se ultimo, che ce servi ancora.... ;))

    RispondiElimina
  8. A parte il crono sarà comunque un'impresa finirla....è già difficile allenare una disciplina figuriamoci tre.....io faccio il tifo per te !!!

    RispondiElimina
  9. E'difficile immaginare una competizione sportiva e non pensare al risultato.Il senso stesso della preparazione è arrivare al miglior risultato possibile.Il solo " portare a casa la pelle" non soddisferebbe il maligno contaminuti che è in noi e immagino anche in te!
    Ciao e non mollare!!

    RispondiElimina
  10. ANCH IO LA PENSO COME TEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE...MAI CORSO UNA SIGNORA MARA...............MA ME LA SOGNO CHE LA FINISCO.....CHE TAGLIO IL GONFIABILE E TOCCO IL CIELO CON UN DITO...IL RITMO?? TAPASCIONE ANDANTE OVVIO ...IL TRAGUARDO...TAGLIARE QUEL FILO SENZA OROLOGIO , GARMIN O QUANT ALTRO NON HA EGUALI................NON L HO CORSA...MA IO LA SOGNO COSI...IOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO...NON TE E TUTTI GLI ALTRI....DAGLIE GIANLùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù...ANCHE SE IL RITORNO ALLE *ORIGINI* FA BENE ALLO SPIRITO:))))

    RispondiElimina
  11. Fai come a Venezia 2010, parrucca e via, goditi quelle 70 miglia, a Roma 2012, ti daro del Lei, vai mitico!

    RispondiElimina
  12. dipende anche dalla personalità...a me piace avere un obiettivo cronometrico, perlomeno finchè vedo che ci sono margini di miglioramento e finchè l'età lo consente.
    Poi, certo, fare qualche gara "da turista" aiuterebbe sicuramente a godersela di più.

    RispondiElimina
  13. Il bello della corsa è che nella stessa gara ogni partecipante può avere un obiettivo diverso dagli altri. Ma centrarlo alla fine regala a tutti le stesse soddisfazioni.

    RispondiElimina
  14. ma corriamo perchè ci pagano?!? no e allora bene vengano le maratone da tapascioni con il solo obiettivo di arrivare e poi di migliorare i PB!
    Se poi uno decide di dare un senso a tutti i sacrifici che facciamo, ben venga ancora di +!!!
    Oh Presidente, oh mio Presidente..

    RispondiElimina
  15. Ovvio, perché è sull'ovvio che si scivola.
    Dai che ce la fai!

    RispondiElimina
  16. a Pescara più che mai un solo obiettivo:
    FINIRE CON IL SORRISO

    RispondiElimina
  17. quando si prova una cosa nuova, behh forse pensare al tempo è una cazzata.
    Se poi alzi la posta in gioco andando a sondare i tuoi limiti, credo che l'importante sia portar casa la pelle!

    RispondiElimina
  18. io ancora me la ricordo la mia prima mara e le maledizioni tra il 32 e la finish line, ripromettendomi che sarebbe stato la prima e ultima.
    siamo a 15!

    RispondiElimina
  19. Valla a prendere,all'orologio ci penserai le prossime volte adesso "VALLA A PRENDERE!!!".. io faccio il tifo.. ;)

    RispondiElimina
  20. ma tu non ti stavi allenando per vincere a pescara????? ah ha hahah+
    grande master arrivare al traguardo e' una grande vittoria

    RispondiElimina
  21. Guzzo AldoCalandro è il mio motivatore virtuale n°1! Stavo leggendo l'altra sera del tuo esordio, sei stato un grande, però la prossima volta portati le scarpette della bike!! :D

    Franco medaglia medaglia!!

    Cercare il pb fa parte del gioco, e quello a cui non ripenso mai è che nell'esordio, comunque vada sarà comunque un pb! ;)

    Oliver io invece passo periodi senza obiettivi, a breve termine però, sicuro ho sempre obiettivi a lungo termine

    RispondiElimina
  22. Yò sarà difficile abbattermi, anche per voi! ;)

    Diego tu che fai il tifo per me ....fico, grazie uomo! :)

    Emiliano ho fatto solo una gara senza orologio, è stata indimenticabile correre a sensazione, ma come dici tu, tanto lo abbiamo dentro! ;) Benvenuto, ti aggiungo alla lista dei 'cattivi'! :)

    FRANCEEEEEEEE TANTO ANCHE TU TAGLIERAI QUEL TRAGUARDO VEDRAIIII!!! E NOI SAREMO TUTTI LI CON TEEEE!!! GRAZIEEEEE!!! :D

    RispondiElimina
  23. Alvin la parrucca in acqua da trooppo fastidio! Mi darai del lei solo se deciderò di cambiare sesso, cioè MAI! ;)

    Paolo gare da turista aiuta, ogni tanto dovremmo farne almeno una, per provare :)

    Marco è vero, ma quando torni a fare na garetta così ci rivediamo?

    Battè dopo tanti sacrifici il senso lo trovi, ed è anche giusto!

    RispondiElimina
  24. Bruno grazie, scivoliamo sempre li, che ce voi fa!

    Alè col sorriso non lo so, ma finire SI!!!

    Tosto i limiti si sono alzati di tanto, è bello vedere che riesci ad arrivarci, e sarà ancora più bello arrivarcix3!

    Nino pure tu ce sei rimasto sotto alla 42 vedo! Bravo, ma bravo!!! :O)

    RispondiElimina
  25. Andrè grazie non ti deluderò, me la inciderò sul petto! ...vabbè scherzo dai! :P ..ma la prendero, cazzo se la prenderò!!

    Lello ridi ridi, poi quando vedrai la classifica .....riderai riderai!!
    :D Grazie caro!

    RispondiElimina
  26. Chi siamo... da dove veniamo.... dove andiamo... eeee... quanto ci mettiamo...!!!
    Urkokan... 6 crepuscolare an' 'sto post...

    RispondiElimina
  27. mi hanno raccontato di persone che si sono allenate e preparate e poi alla partenza della maratona non sono manco partiti: mancanza di coraggio per paura di fare un tempo vergognoso. l'importante è il traguardo, ma prevale la competizione e ci si dimentica che la maratona la vincono tutti coloro che arrivano al traguardo. un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Alessandra grazie, dopo tanto tempo che corri si prende la cosa troppo sul serio, dimenticando qual'è stata la scintilla che ci ha fatto cominciare, lo stare bene innanzitutto

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi