BREAKING NEWS

mercoledì 23 maggio 2012

Il Calcio

Bazzico da un pò l'ambiente calcio, e devo dire di aver trovato ciò che credevo, genitori mister, genitori procuratori, genitori arbitri, genitori sentenziatori di bambini di 8 anni che si divertono a prendere a calci un pallone.
Non mi piace, non riesco a farmi piacere l'ambiente, anche se il calcio lo seguo, poco e schifato ma lo seguo.
E allora i ricordi vanno a quando giravo per la pista di atletica della mia città, dove al centro del campo i grandi giocatori si allenavano, noncuranti di te che sputavi sangue nel fare i 1000m nell'anello attaccato alla linea laterale del loro grande e immenso campo da gioco, e dove puntulamente sostavano per il calcio d'angolo, il fallo laterale, i piccoli saltelli, le giravolte e chi ne ha piu ne metta.
Sempre li sulla prima corsia, aspettando che tu passassi di li senza togliersi di mezzo solo per il gusto di farlo, perchè loro si che stavano facendo le cose seriamente, non te che stai facendo il Forrest Gump.
Poi gli anni passano e nello stadio a correre non sono andato più, ma sicuramente le cose non sono cambiate.
Ma io si.
Ma posso capirli in fondo, fanno calcio, e a tutti gli effetti il loro non è uno sport, e solo un giuoco.

15 commenti :

  1. E le mamme sono peggio dei papà....dovrebbero vietare di seguire le partite agli esagitati, la prima stronzata che dici fuori dalle palle!!

    Forza Toro!!

    RispondiElimina
  2. se mio figlio dovesse chiedermi di giocare a calcio gli regalo una palla ovale. gli dirò che è il nuovo pallone. bruttissimo ambiente quello del calcio giovanile

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo. è solo un giuoco :D

    RispondiElimina
  4. non è il calcio, sono le teste. se ti dicessi che a settembre quando è ora di "preparazione" una delle tante sqadre della zona decide di venire a farla nel nostro parco.
    e secondo te come si comportano ? il parco diventa loro.
    c'è da fare ripetute da 30metri in salita ? scordati di passare. e se lo fai notare ti insultano pure. fa niente che per altri 345 giorni lì non li vedi.....

    RispondiElimina
  5. sono cresciuto e pasciuto con la passione per il calcio, che mi è rimasta.
    se c'è un incontro in tv, campionato usa, coppa d'africa, apertura e clausura argentini non mi perdo niente
    purtroppo (o per fortuna) non riesco a tifare più...cerco di godermi la partita e basta, ma va bene anche questo

    RispondiElimina
  6. il bello è che proprio quei genitori là ora sono quelli che magari puntano il dito contro il tifo violento o giocatori scorretti... ah... oramai ha perso totalmente di credibilità quel giuoco là...

    RispondiElimina
  7. Secondo me il calcio è troppo demonizzato da questo punto di vista. Ha più "cassa di risonanza" xkè è quello più praticato ma i genitori "teste calde" li trovi dappertutto..nell'atletica (parola del mio fisio), nel basket...prova a leggere il libro di Agassi...
    poi se uno dice che il calcio non gli piace...ci sta, ci mancherebbe...però non tutto è malato, suvvia.

    RispondiElimina
  8. A tutti, nuoto, basket, pallavolo, atletica, tutti sport che Lorenzo ha fatto, e mai, dico mai, ho sentito genitori invasati dei propri figli accusare altri bambini di 8 anni 'avversari', mai.
    Ma chi l'ha messo quello in difesa' ...a bambini di 8 anni...
    Un bambino all'ultimo torneo si è messo piangere.
    Che schifo.
    Mauro non si tratta di colpevolizzare il calcio, ma fidati, quel tipo di ambiente oggi lo trovi solo li.
    Un giorno quando sentirai qualcuno accennare, solo accennare, ...era meglio lasciarlo in panchina quello, bè, quando capisci che ce l'hanno con tuo figlio pensi a reazioni che mai avresti creduto di poter un giorno fare o pensare.
    8 anni

    RispondiElimina
  9. Sicuramente è come dici tu, però secondo me è anche dato dal fatto che il calcio, avendo un bacino d'utenza più elevato, è più facile trovare più teste di cazzo.
    Lo scorso anno ai giochi della gioventù di un paesino vicino a noi ho sentito un padre dire (in dialetto milanese che non scrivo), indicando un bambino adottivo etiope che aveva vinto praticamente tutto (mitico Abu!!):" quel nero (e dico nero xkè mi vergogno a scrivere l'altra parola) li mica lo dovrebbero fare correre insieme ai nostri che se no è logico che vince sempre tutto lui"
    La cosa triste è che un paio di persone gli han pure dato ragione...ma che bello sarebbe stato spaccargli il naso con un pugno.

    RispondiElimina
  10. Che schifo di gente che c'è in giro...

    RispondiElimina
  11. mio figlio fa basket e finora ho trovato un bell'ambiente ............io amo lo sport e adoro insegnare ai miei figli la sportivita' e fare sport per divertirsi!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Io a calcio c'ho giocato e posso anche esser d'accordo che genitori invasati (più o meno..) si trovano ovunque..
    Diciamo che per come si mostrano,salvo eccezioni,ormai,sono i modelli da seguire ad esser diversi..

    RispondiElimina
  13. è la cultura calcistica italiana che fa schifo, il calcio ne è vittima!

    RispondiElimina
  14. Il calcio giovanile fà veramente schifo.
    Purtroppo le persone che guidano e gestiscono società di calcio con la passione per lo sport sono mosche bianche.
    Gli altri sono dei falliti che cercano di sfruttare le situazioni per loro tornaconto.
    Incapaci e inetti, non curano più aspetti fondamentali come l'onestà, la correttezza, il rispetto, l'armonia, ma solo il risultato.
    Così vedi giovanissimi bruciati perchè vengono ingannati a diventare dei calciatori quando solo pochi riescono veramente a sfondare.
    Al posto di creare un ambiente sereno dove si deve vivere lo sport, come modo sano di svagarsi e fare gruppo, sollecitano a vincere, premiando solo il risultato a qualunque costo.
    Perchè dietro c'è gente marcia dentro, parassiti che non meritano di essere lì.
    E trovi orde di genitori incattiviti che insultano l'arbitro, assalgono i ragazzini avversari con invettive, sono intolleranti verso gli errori.
    Puniscono i figli perchè sbagliano un gol, esortano il figlio a usare cattiveria e farsi largo a spallate con i compagni per emergere, fanno pressioni sull'allenatore per ottenere privilegi al proprio figlio.
    Questo è il calcio, non solo professionistico, anche quello dilettantistico.
    Ma i veri dilettanti sono i presidenti e dirigenti che sono dei dilettanti in tutto, soprattutto nella vita.
    E così a molti giovani che vorrebbero solo giocare per divertirsi, viene negata questa possibilità, da genitori idioti e dirigenti bramosi di potere, arrivisti.
    Una volta almeno c'erano i campi abbandonati, dove si poteva andare a tirare quattro calci in allegria, emulando i campioni di una volta, ben diversi tra l'altro da quelli attuali.

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi