30km del Mare di Roma 2013 ...3,2,1


Anche se non ci vediamo più molto di frequente, oggi a Ostia ho rivisto tanta gente podista vecchia e nuova, ormai talmente 'di casa' che neanche più una foto ricordo ci facciamo.
Trascorro molto tempo con Yò, parliamo del più e del meno, del bello e del peggio, Caio invece, ha quell'aria spensierata da cazzaro DOC che forse noi, col tempo, stiamo perdendo un pò.
Stavolta preparasi alla gara è molto facile, una volta levata la tuta ho già indosso tutto l'occorrente, pronto per partire(?)
Faccio pipì in un boschetto adiacente per poi dirigermi al via, mi guardo in giro ma non vedo nessuno.
Mancano 3 minuti alle 9:00 quando mi accorgo di non avere indossato il pettorale e il chip.
Faccio una corsa in macchina, che ovviamente non era molto vicina, come un ladro impazzito apro lo sportello e metto sottosopra ogni cosa che poco prima avevo sistemato con cura. Prendo le parti mancanti e volo verso la partenza.
Ma arrivato a 200m dalla zona partenza lo speaker fa il conto alla rovescia, e ovviamente parte da 5, 4...
Un sogno ricorrente che oggi è diventato realtà.
In prossimità degli obiettivi importanti sogno spesso di stare per iniziare la gara, ma improvvisamente mi accorgo che sono tutti partiti, e io sono ancora li a preparare tutto.
Oggi però non stavo sognando, e la sensazione è stata di panico.
Poi però, passata l'edicola comincio a ridere da solo, tanto che la 'gente della domenica' col suo giornale in mano si sforzava di capire se ero il pirla dell'ultimo minuto o il nuovo scemo del villaggio.

Giro l'angolo e vedo sfilare sotto l'arco gli ultimi partenti, provo in corsa in qualche modo a 'spillare' il pettorale sulla nuova canotta de iRunners, dopo qualche buco sui polpastrelli infilo un paio di spille, credo siano più che sufficienti.
Non imposto un ritmo gara, dovevo fare un progressivo ma gli intermedi sono più simili a un elettrocardiogramma che a una scaletta che sale, o che scende ...punti di vista.
Faccio 10km con Andrea F. degli Orange, poi allungo il passo, con Daniele faccio altri 6km raggiungendo i palloncini dei 5' al km che viaggiano a 4:45 (assurdi).
Poi decido di allungare ancora il passo e il progressivo arriva, anche se i ristori sfalsano i tempi di qualche km, dal 25° al 29° viaggio sui 4:30/km
Soddisfatto, non senza fatica, arrivo al traguardo, e un piatto di penne all'arrabbiata cotte al dente me lo finisco in un attimo.

Ho fatto un rientro alle gare podistiche molto scoordinato, ma molto gradito.
Mi accorgo che la corsa mi porta a scrivere più spesso, non so se questo sia un bene o un male, io intanto continuo a correre...

Commenti

  1. Gianlù ero dietro i palloncini dei 5' km, viaggiavano dai 4,40'/ a 4,55', al 23 km hanno allungato , li ho lasciati ( pazzi) gli ultimi km ero cotto.
    Per il pettorale dimenticato , non è che Yogi ti ha rimbambito??? ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. frà, in realtà è stato caio.... :)

      Elimina
    2. I palloncini sono stati scandalosi..
      E' che quando la testa pensa ad altre cose le meno importanti volano via ;)

      Elimina
  2. davvero, manco na foto.... forse abbiamo sublimato l'emozione di ritrovarci! :) che poi niente e così scontato, come abbiamo visto dalla classifica e non solo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dare nulla per scontato, ci mancherebbe, e voi non siete scontati amici miei! ;)

      Elimina
  3. "quando i sogni diventano realtà"... ma non gli incubi!
    mi pare che in ogni modo il tuo obiettivo lo hai portato a casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si alla fine tutto è andato per il verso giusto.. o quasi dai! :)

      Elimina
  4. Il mio sogno ricorrente, negli ultimi anni un po' meno, è di correre sul posto, cerco di muovermi ma niente.. :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quello è un sogno ricorrente... che poi sono quasi incubi alla fine :D

      Elimina
  5. l'obiettivo per firenze si può dire o è tabù?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto è riuscire ad andare, ma di tempo ancora è presto parlarne, e non sarà un tabù... a meno che non vengano anche il panda e the bridge ;)

      Elimina
  6. Adesso che l'incubo si è avverato si può dire che non era proprio un incubo, no??? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Ele, in effetti passato il panico iniziale non è stato proprio un incubo :)

      Elimina
  7. Partire così mette ansia e non fa stare tranquilli, ci sono passato anche io un paio di anni fa. Ma da quello che ho letto sei andato alla grande, per cui perchè non ripeterlo in futuro? :-) Naturalmente devi chiedere a Yo di "infastidirti" ancora ih ih ih ih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca sono un tipo piuttosto tranquillo, e agitarmi nel pre gara non è stata una cosa bella, no, non vorrei ripeterlo anche se sapessi di fare il pb ;)

      Elimina
  8. ora capisco tutto: i palloncini dei 5/km andavano a 4'45'' ed io, inconsciamente, li vedevo in lontananza, motivo per cui mi sembrava sempre di andare piano. (vabbò dai, diciamo che qst è solo uno dei tanti motivi ;) ).
    Grande prestazione Preside', in disinvoltura: sono le migliori!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi