venerdì 21 marzo 2008

10 mosse vincenti per cambiare "ritmo"


Volta pagina. Trova il coraggio di modificare gli schemi di sempre ed entra in una nuova dimensione della corsa, capace di ridarti carica ed entusiasmo.
PER CHI: per tutti coloro che da anni si allenano nello stesso modo o quasi, che partecipano sempre alle stesse gare e che, a questo punto della carriera podistica, sono un po’ demoralizzati perché vedono i loro risultati ristagnare, se non addirittura peggiorare.


1) Dacci un taglio. Ti sei fossilizzato sulla maratona perché, magari non più giovanissimo, pensi di non avare più chances nelle gare brevi? È il momento di dare una “rinfrescata” alla tua corsa. Metti da parte le 42 km per almeno 7-8 mesi e prepara invece le gare di 10-14 km. Ritroverai sensazioni di forza ed efficienza che non provavi da tempo.

2)
Cambia il modo di fare le ripetute. Scommetto che in questo tipo di lavori cerchi di mantenere lo stesso ritmo per tutta la prova. Niente di sbagliato, ma prova a modificare il tuo approccio e vedrai che qualcosa cambierà. Mettiamo che tu abbia in programma 5 volte 1 km a 4’00”. Normalmente interpreteresti ciascun chilometro facendo 5 frazioni uguali di 200 metri in 48”. Bene, prova a correre delle frazioni di 200 metri in 50” alternate a delle altre in 46”. Cosi facendo stimolerai maggiormente lo sviluppo della potenza aerobica. Allo stesso modo nelle ripetute sui 2.000 o sui 3.000 metri potrai cambiare velocità ogni 500 metri. Ad esempio dei 2.000 in 8’00” li potrai correre alternando dei 500 in 2’05” a dei 500 in 1’55”.

3) Punta in alto. Il ristagno delle tue prestazioni può dipendere anche da una perdita di forza specifica. Inserisci nel tuo programma dei lavori in salita. Corri delle prove ripetute brevi in salita della durata massima di 10 secondi su pendenza del 8% circa e delle prove ripetute lunghe della durata di 3-5 minuti su pendenze del 5-6% circa. Tra le prove brevi recupera circa 1 minuto e arriva a un massimo di 20 ripetute. Per le salite lunghe esegui da 4 a 6 prove, recuperando un tempo di due minuti superiore alla durata della prova. Evita le salite medie, ovvero quelle che durano dai 20 secondi ai 2 minuti, perché inducono l’organismo a produrre un’eccessiva quantità di lattato. Uno dei motivi del ristagno delle prestazioni può essere anche questo.

4) Iscriviti a una palestra. Fare un po’ di pesi alle macchine ti farà sicuramente bene. Fai esercizi non solo per i muscoli delle gambe, ma anche per quelli delle altre parti del corpo. Per quanto riguarda le gambe, prediligi la pressa evitando la leg extension che potrebbe crearti problemi al tendine rotuleo. Il carico dev’essere tale da consentirti di ripetere l’esercizio per 20 volte.

5) Allenati un giorno in meno. Talvolta, senza rendercene conto, chiediamo troppo al nostro organismo. Accusiamo stanchezza e le nostre prestazioni risultano opache. In questi casi basta un giorno di riposo in più per rifiorire.

6) Dacci dentro. Viceversa, chi si allena solo due o tre volte alla settimana può fare un salto di qualità inserendo uno o due giorni di allenamento in più.

7)
Prova a doppiare. Non sono molto propenso a consigliare agli amatori di allenarsi due volte al giorno, ma per quelli di buon livello può essere necessario farlo, due o tre volte alla settimana, per incrementare il carico di resistenza aerobica.

8)
Fai le ripetute due volte alla settimana. In genere la tendenza è di eseguire un solo lavoro di prove ripetute a metà settimana. Si ottengono però dei buoni risultati eseguendo una seduta di ripetute brevi all’inizio della settimana (ad esempio 20 x 200 metri il martedì), e un’altra di prove medio-lunghe il venerdì (ad esempio 3 x 2 km).

9)
Cura il medio. L’incapacità di correre per 10-16 km a un ritmo di 20 secondi inferiore alla propria velocità di riferimento (soglia anaerobica) può essere una causa del ristagno delle prestazioni.

10)
Velocizzati allungando. Siamo abituati a pensare che il calo della velocità sia dovuto alla mancanza di abitudine a correre a ritmi veloci, talvolta invece accade il contrario. Intraprendere la preparazione di una maratona o una mezza consente di migliorare anche sulle distanze brevi.
Share:

14 commenti:

  1. e' quello ke ho fatto io l'anno scorso .....
    ma ke me stai a seguì?

    RispondiElimina
  2. ...Vabbe' ma diteme pure da che spacciatore devo da anna' !!

    Ahooooo !! Ma ke ve fate le cuccume de nandrolone....a juventini !!!

    ahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. stanno diffondendosi questi messaggi di spam..(vedi sto dumuro)..Son passato per augurare Buona Pasqua :-)

    RispondiElimina
  5. per diversificare diversifico. Un giorno di questi butto il cronometro ;-)


    Buona pasqua!

    RispondiElimina
  6. Per adesso sto cercando una mossa vincente per uscire dall'infortunio e ricominciare a correre... Scherzi a parte, Auguroni di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. io ho cambiato tutto... TUTTO... passo, ripetute ecc ecc. vediamo un po' che succede a padova....
    da pensieri di corsa... a pensieri di corsa :-)

    ciao a tutti ragazzi!!!...mi sa che il mondo dei runnerblog e' piccolo eh?

    RispondiElimina
  9. Bell'articolo!
    Buona Pasqua ragazzi!

    RispondiElimina
  10. Auguri di Buona Pasqua a tutti.

    RispondiElimina
  11. Bei consigli. Bisognerebbe comunque adottar euna filosofia di allenamento diversificata anche in preparazione a una maratona. Fossilizzarsi su tempi e tabelle non è mai una cosa che ti aiuta.
    Bisogna sempre cercare di cambire ritmo. Le ripetute a 1000 vanno precedute in ordine cronologico nella settimana dalle ripetute a 400 o 500. Queste aiutano a velocizzare il ritmo anche sulle ripetute a 1000. Dò un consiglio... fate corse corte anche in preparazione alla maratona. Vi aiutano a avvicinarvi il più possibile ai vostri limiti. Direi che per un buon allenamento fare le 20X400 il martedi e le 12X1000 il giovedi è la cosa migliore per trasformare la velocità delle 400 sui 1000. Ovviamente non dimentichiamo di trasformare la velocità in lunghezza con i medi fra le giornate di ripetute. Comunque a prescindere da dati tecnici, la corsa dev'essere un piacere, e sono il fautore dell'ideologia : "se un giorno non va, molla li tutto e non sforzarti!". Insomma siamo amatori non professionisti, se un giorno le gambe non girano per fare lel ripetute a 1000 è inutile accanirsi, molla li e prosegui l'allenamento con un lento per scaricare l'acido accumulato.
    Per il resto concordo con Marco, specialmente sul raddoppio degli allenamenti. Se si riesce ad uscire a mezzo giorno per qualche km e la sera per un veloce è la cosa migliore.!
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti per gli auguri!
    Anche se in ritardo contraccambio gli auguri!
    Frate Tack, la penso come te su "siamo amatori", anche se a volte ci impegnamo allo stesso livello dei professionisti (c
    on tempi diversi ovvio ;) )
    Se non ti spiace ho inserito il tuo blog ai link......Monica ho inserito anche il tuo "pensieri di corsa"! Bel nome che hai scelto! ;)

    RispondiElimina
  13. ciao master!! hai visto che bel nome....originale direi :-)
    ti aggiungo anche io!
    BACIONI.

    ps. mah quanto mi piace questa comunita' virtuale!! bella bella bella!

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi