lunedì 22 febbraio 2010

Ricordando le fettine panate e le melanzane alla parmigiana


Si, domenica ho avuto un 'ritorno' alle domeniche al mare del 1978-80.
Si partiva col Ford Transit del nostro Carmelo, tutti insieme, vicini di casa compresi, 12-13 circa, bambini in braccio ovviamente, senza cinture e finestrini spalancati.
Si arrivava in spiaggia, la spiaggia nera di Ladispoli, che alle 9,30 già bruciava sotto ai piedi, si aprivano i 4 ombrelloni e tavolinetti vari, appena arrivati pizza bianca co la mortazza pe colazione e poi la classica frase de mamma "....guarda che prima de mezzogiorno il bagno non te lo poi fà!".
Tutti in attesa allora del famoso e famigerato BARCONE, che arrivava quasi sulla riva e ci caricava tutti a bordo pe facce fa un giro al mare, stile profughi!
Appena tornati in spiaggia tutti a fasse er bagno, e malgrado tutto io il mare me lo ricordo blu, co qualche chiazza de catrame sotto ai piedi che pe levalla la sera a casa non bastava manco la varecchina!
Arrivati a 12,30 tutti in pineta, dove se riapparecchiava e arrivavano le fettine panate, la frittata de zucchine e le melanzane alla parmigiana!
Pranzetto leggero, pennichella sulle sdraie o sui materassini, bevuta dalla fontanella co l'acqua che ciaveva 'il ferro' dicevano, in pratica faceva schifo, e poi se caricava tutto e se tornava a casa, co la schiena bruciata ..............che tempi ragazzi, ho avuto tanta nostalgia domenica.

Ritorniamo però nel 2010.

Correndo nei giardini è una bella gara, piatta 1km di sterrato, più che sterrato è bucato, pieno de buche, e il tempo è stato moooolto clemente e senza vento.
Anche se, chiunque ho sentito appena finita la gara, tutti l'hanno un minimo sofferta, compreso io.
Dal 6° all'8° ho avuto un lieve calo, da 4,13 sono passato a 4,26 4,32 per poi riprendermi a 4,12 e l'ultimo niente popòdimeno che a 3,55
Ottime le impressioni, i 42 e rotti sono arrivati, ora si pensa ancora ad abbassare.
Roma-Ostia?
Troppa gente, parto dalla quarta gabbia, la fotocopia per partire più avanti manco me la faccio, ormai è diventata troppo un bordello.
Ritmo gara Roma meno 15 secondi tanto per non esagerare.
Share:

16 commenti:

  1. Belo il racconto in apertura, in "romanesco" è fantasmagorico!

    Roma Ostia a 4:25 max 30...se po fa?

    RispondiElimina
  2. Caspita questo viaggio nel passato mi ha ricordato anche a me i pranzi in pineta a Platamona..grandi mangiate con i parenti.. dove ognuno portava qualcosa e tre ore dopo di nuovo a bagno!!! ci si sapeva divertire..un bel ricordo nostalgico ma rivissuto con molto piacere.

    RispondiElimina
  3. M'hai ricordato i tempi de quanno stavo in colonia a Ostia. Me ricordo na maestra tarmente stronza che bastava solo guardalla pe rimedià du schiaffi...sarebbe da rincontralla mo sta deficente.
    Me sarebbe piaciuto venì a ladispoli, ma...troppe sò le gare che dovrò sartà.
    Spero tra na mesata de rimetteme pe strada. Per momento sto a fa er criceto dentro casa....

    RispondiElimina
  4. Splendido il racconto di quando andavi al mare...per un' attimo mi è sembrato di essere li con te!
    Poi nella seconda parte ti daccio i complimenti per i tuoi tempi.
    Ciao dal Pasteo

    RispondiElimina
  5. Splendida la foto in bianco e nero..e il racconto:)))))

    in bocca al lupo per domenica:))

    RispondiElimina
  6. Hai hai nostalgia canaglia......

    RispondiElimina
  7. Quand'ero regazzino io al mare, appena a riva, ci vedevi i pesci ago ed i cavallucci; il ctrame non c'era e vedevi il fondo pure al largo....

    RispondiElimina
  8. sono legato al mare da sempre: tripoli, marina di carrara, ostia... da bimbo impazzivo di gioia solo all'idea, poi venimmo in italia e, pian piano, non fu più lo stessa cosa....

    RispondiElimina
  9. ah me puoi dirlo, cosa ti sei preso nell'armadio farmaci ? ah ah ah. miiiiiii il ford transit, cosa mi hai rimembrato

    RispondiElimina
  10. a rilegge er racconto tuo de ladispoli me stavano a scenne le lacrime...c'ho passato la mia infanzia "estiva", la sabbia scura...le frasi de mamma (ma le mamme le fanno in serie come le macchine?), l'acqua che faceva schifo, ... eppure...

    "eppure tutto mi sembrava andasse bene" (parafrasando de Gregori...)

    c'ho avuto 'na botta de nostalgia, mannaggia a te!

    RispondiElimina
  11. Alvin RomaOstia troppa gente, comunque l'idea è ritmo gara per Berlino, 4,35 e vedemo che esce fuori

    Davide, si, in questi giorni sto rivivendo spesso il passato, era tanto che non ci pensavo, bei tempi :)

    Antò stringi i denti, un mese vola, vedrai!
    Ciò na gabbietta che m'avanza a casa co la rotella der criceto, se voi te invito! :D

    Albè grazie, bei tempi andati ormai, ma i ricordi rimarranno per sempre!

    Francè grazie e crepi il lupo!
    Ma tu poi che fai domenica?

    Michè tanta veramente :|

    Bucci, am stamo a parlà de preistoria! :P

    Yogi certo che Ostia non è il massimo, ma in Italia il mare bello c'è eccome!

    Stoppre.......se voi me so avanzate du pasticchette! hihihi!

    Maurì, è vero, oggi sembra che tutto fosse perfetto, ma credo che un domani faremo lo stesso per oggi.
    .....non se sono stato spiegato! :P

    RispondiElimina
  12. non è questione di 'acqua', le cose cambiano..... :)

    RispondiElimina
  13. m'è venuta fame......che buone le melanzane .............

    RispondiElimina
  14. A, io ne facevo una questione d'acqua. Quando vado a Fregene qualche domenica mattina con mio figlio la cosa brutta è che per rinfrescarti dalla 'calura' invece di farti il bagno al mare vai a farti la doccia :(

    Patty, a quest'ora ce starebbero bene! :)

    RispondiElimina
  15. Gianluca parla di fine anni 60 sbreccolaro che altro non sei...
    Della preistoria invece ti arrivero' una clavata appena te becco...!!! °O°

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi