BREAKING NEWS

giovedì 12 luglio 2012

M'aricordo che...

La mia cameretta
Si avvicinano i 40 e spesso ricorrono i pensieri ai bei tempi ormai andati, bei tempi per l'età, chiaro, non mi è mai mancato niente.
Papà centralinista tuttofare in un istituto tecnico industriale (prima la mansione ricoperta era specifica ma allo stato dei fatti molto varia), mamma casalinga, vivo con loro nelle case popolari fino al 1998.
La mia camera era il mio regno, il posto dove non mi mancava niente.

In foto non si vede il poster della Bellucci, a quei tempi era davvero tanta!

Si vede però il disegno, che feci direttamente sulla parete, del mio cartone preferito, Gundam.
Ero piccolo, la tv era in bianco e nero, e da noi ancora non c'era Italia1, ma Quinta Rete, e vedo per caso la prima puntata di questo nuovo robot, con aria saccente già penso che non sarà mai all'altezza di UfoRobot, di Geeg o di Mazinga.
Comincia la storia che seguo con attenzione.
Tutti morti e feriti, base militare quasi distrutta, Peter Rei, rimasto quasi da solo, si ritrova a guidare questo nuovo Mobil Suite creato per sconfiggere i cattivi (che poi sembra ce l'avessero tutti col Giappone, bah!).
Non sapeva come fare, allora si mette a leggere il libro delle istruzioni.
Già qui io lo deridevo 'ma come, legge un libro per farlo alzare, e che ce vorrà mai!'
Mentre leggeva come farlo muovere, preme la leva sbagliata e il robot comincia a sparare 'hahaha!' e dopo qualche secondo il caricatore girava a vuoto, aveva finito i colpi.
Fu il momento in cui mi feci serio 'Come, ha finito i colpi?'
Quello è stato il primo cartone che mi appassionò tanto, molto più realista di tanti altri, e come tutte le cose belle finì presto, sembra che non pagarono i diritti e per anni di Gundam non si seppe più niente, fino a qualche anno fa.
Oggi il Giappone vuole produrlo, saranno le conseguenze delle radiazioni di Fukushima...

Si intravede  la scritta dei Vigili del Fuoco, ebbene ho fatto anche quello, per un anno solo, ho guidato tutti i mezzi del 115 tranne l'anfibio e l'elicottero, ma ho fatto un giro su entrambi.

Non si vede la console con i Technics, sotto il poster della Bellucci.

Non si vede la chitarra, una Eko del 1978

Si vede un adesivo della CocaCola anni 80 e un altro col marchio Fila, che produceva abbigliamento, e non sottilette.

Non si vede il baracchino, Archimede è(ra) il mio QRZ, che tempi ragazzi, senza cellulari già stavamo anni avanti io e i miei amici!

Non si vedono tante altre cose, ma ricordo tutto come se fosse ieri, e un pò di nostalgia ce l'ho.

11 commenti :

  1. Si , quando i genitori ti dicevano qualcosa bastava farlo una volta sola...adesso no!!!

    Bei tempi , ai miei bambini ho preso i dvd con la storia di Goldrake e di Geeg robot d'acciaio , gli è piaciuto tantissimo.

    Ci penso anche io a quei tempi...sembra ieri e ti accorgi di quanto il tempo passa velocemente...

    RispondiElimina
  2. io invece so cresciuto a holly e benji, lotti e cavalieri dello zodiaco (ho una manciata di anni di meno)

    i poster nella mia stanza erano di coppi&bartali, oasis e trainspotting e qualche chitarra ce l'avevo anche io

    ma come cazzo ci siamo finiti nel triathlon ancora non lo so!

    RispondiElimina
  3. anche io cresciuta a "holly e benjii" e "mila e shiro"... ah ah

    ma la cameretta te l'han lasciata così?
    quando sono andata via di casa io, ci han fatto uno studiolo nella mia!

    RispondiElimina
  4. Hai nominato tutto meno il mitico adesivo di Radio Deejay!
    Nella scatola del pandoro che ci stava?! :-D

    RispondiElimina
  5. apperò, che manina felice... pensare che disegnavo manga per venderli a pochi spicci.... e avevo anche le bandiere usa e gb sulle pareti — ero proprio na creatura! :)

    RispondiElimina
  6. sei proprio vecchio (da che pulpito) !!!!!!!. pensa che io mi ricordo anche di GRAPE APE il gorilla lilla. il primo cartone animato che ho visto a colori (ovviamente a casa dei vicini).
    bei tempi.....

    RispondiElimina
  7. Gianlù...anch'io sono entrato nel 40esimo...anch'io quei cartoni, i poster, la chitarra ed i piatti technics!
    ...vabbè! ...ma ora abbiamo voluto la bicicletta...
    (in realtà mi muovevo in bici da bambino!)

    RispondiElimina
  8. Nella mia c'era una Eko, che mio padre vuole gli porti via, e una ESP con il valvestate 8040 (che sono nel garage e non riesco più a suonare da na vita). Io preferivo Daitarn 3 e Zambot 3 (ma poi perché tutti col 3????).

    RispondiElimina
  9. A me capita spesso di pensare a quando avevo vent'anni...e dicevo sempre"massi, tanto abbiamo 20anni"
    Ora, ad undici anni di distanza, mi sembra tutto cosi lontano ma allo stesso tempo tutto vicino.
    Non ero ancora un "atleta" a quei tempi, le uniche cose che mi interessavano erano le ragazze, la Juve (ma più spesso la Juve e poi le ragazze) e i videogiochi...
    Gundam l'ho amato anch'io ma lo vidi sono in dvix, fai te...
    anche la sigla spettacolare:"...amici miei, sono Peter Rei, comandante del Robooooot. Sono io il ragazzo che...ai nemici dice NOOOOOOO"

    RispondiElimina
  10. Perchè perdo tempo a legge sti post de sti vecchi babbioni 40enni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me lo chiedo pur'io!!! :D :D :D
      e risponno pure ai commenti degli over 50, parecchio OVER :D :D :D

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi