Pizzette rustiche

Quando dovevo scegliere la scuola superiore, ero intenzionato a frequentare la scuola alberghiera, volevo diventare un grande chef, oppure un normale cuoco, insomma, mi piaceva cucinare.
La lontananza della scuola però, per disdetta o per fortuna, costrinse i miei a farmi frequentare la scuola sotto casa che alla fine del gioco mi diede un bel diploma di perito elettronico, col quale non ci feci mai niente, o comunque un par de fotocopie per documentazioni varie.
Infatti dopo la scuola, si susseguirono varie esperienze lavorative, che con l'elettronica non c'entravano niente, pittore, muratore, lavapiatti, dj, rappresentante di surgelati, controsoffittaro, cameriere (e qui mi ero quasi avvicinato al mio primo sogno), elettricista, servizio di sicurezza, assemblatore di parabole militari, venditore porta a porta, comesso in un discount... fino a che un bel giorno mi sono letteramente spacciato per 'esperto di computer' e mi misero in ufficio, dove col tempo e dopo tanti, molti, troppi casini, riuscii a crearmi una professione che tutt'ora pratico, Sitemista? Network manager? Security manager? CSO? CIO? Un pò di tutto questo, e oggi quell'ufficio lo gestisco io.
Ma appena ho la possibilità, oltre che nuotare, pedalare e sopratutto correre, mi piace stare ai fornelli.
Non preparo 'Trionfi di Salmone con fantasie di Sicilia' oppure 'Cestino di parmigiano con Fiori di Bresaola', ma piatti semplici che sono buoni da mangiare (vedi e vedi).
E la sera, come ormai da molti anni, prima di cena l'aperitivo è di rito, il prosecco comincia, alternato (nei giorni) da un buon vino rosso con salsiccette di fegato fatte a fettine, o un buon formaggio, o patatine, oppure olive salate, o tartine... quello che capita insomma, e l'altra sera avevo solo un rotolo di pasta sfoglia fresca, quella per fare torte salate etc etc.
L'ho presa, l'ho tagliata con la rotella per la pizza a spicchi, ho messo del pomodoro passato mescolato con olio, sale, un pizzico di origano e ho infornato tutto.
Ed ecco pronte le pizzette per l'aperitivo.

Commenti

  1. vedi come, pur per tentativi, la Vita ci raggiunge nostro malgrado? già te lo dissi: alla fine non avrai lasciato nulla di intentato... ;)

    RispondiElimina
  2. pensa te io feci l alberghiero ma dopo 3 estati a rimini persi la vocazione (che maratone) credi a me non ti sei perso gran che poi sei pure un cuoco con gli attributi

    RispondiElimina
  3. Come mi disse Yogi: sei meglio a cucinare che a correre! ;D
    E' una bella passione che come ben sai condivido, a casa e con gli amici. L'esperienza professionale cambia le cose, screma ed è molto dura e selettiva. Forse un bene. Belle le pizzette, mi sa che te le copio...

    RispondiElimina
  4. Ma quanti anni hai ???...Tutti stì mestieri...(;-)

    RispondiElimina
  5. anche io avrei voluto fare scuola alberghiera, poi per giocare a calcio ho dovuto ripiegare su ragioneria (alberghiera era troppo distante da giulianova); però in compenso ho lavorato 5 anni come pizzaiolo ;)

    RispondiElimina
  6. spetta spetta....dove abiti....Roma?
    Da Verona col treno....se stacco alle 19 ci sono per sedermi a tavola? Dici di no eh!
    Ti è andata bene perchè a correre ....mh mh mh sono un po una pippa ,ma a tavola!!!

    RispondiElimina
  7. i miei mestieri in ordine di comparizione:
    - raccoglitore e infilatore di tabacco al paese in puglia
    - ripetizioni di matematica a bambini idioti figli di ricchi
    - incollatore di paillettes su abiti da sposa (adoro i lavori ripetitivi e zero creativi, così mentre lavoro posso pensare ai cazzi miei)
    - operaio e cameriere alla fiera di roma
    - bancario
    - affittatore di appartamenti altrui
    - venditore di pietre preziose altrui.
    voi direte... e sticazzi!
    (poi dicono che ai romani nun je va de lavora'...)
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  8. a 'sto punto puoi pure abbandonà il triathlon, tanto in effetti c'è qualcosa che ti riesce pure meglio ;-D

    RispondiElimina
  9. posso quotare giancarlo ???
    a parte gli scherzi, cucinare è proprio una bella passione. appena posso sui fornelli mi ci butto anch'io.

    RispondiElimina
  10. Anch'io amo cucinare, soprattutto i primi piatti, specialmente da quando passo del tempo da solo a Roma per lavoro. Salsiccette abruzzesi? Ottime pure con un pò di bruschetta e Montepulciano d'Abruzzo (io prendo quello del paese) Devo imparare a fare la crostata, l'adoro più di certe torte, ma se non ci pensa mia moglie....
    Ciao Gianlu

    RispondiElimina
  11. di sicuro Gianlu non ti sei mai annoiato, è quello l'importante!!!

    RispondiElimina
  12. ah... odio cucinare, troppo creativo... meglio lavare i piatti, attività talmente ripetitiva che nel frattempo mi permette di elaborare: - teorie macroeconomiche
    - strategie di allenamento
    - critica filosofica medievale
    - neuropatologia della mente femminile
    ecc.
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  13. stufo di fare sempre le stesse cose, ultimamente mi sto cimentando in nuove sperimentazioni, emulo di Master Chef. Con mia figlia abbiamo iniziato a sfidarci con i fornelli :) eh he he

    RispondiElimina
  14. ma quanti lavori hai fatto???????????? facciamo 2 conti .... allora hai 67 anni??????

    RispondiElimina
  15. Yò ho sempre a mente le tue parole, sei il mio grillo parlante tu

    Ari vorrei aver provato, ma va bene così comunque, ty

    Oliver tu corri di gusto, in tutti i sensi ;)

    RispondiElimina
  16. Diego certo qualcuno è stato veloce, due mesi, ma li ho fatti tutti, non mi sono mai tirato indietro ;)

    Alè allora la prossima volta che veniamo dalle tue parti (giro del circuito) ce prepari la pizza a tutti! ;)

    Frank al ladro!!!! :D

    RispondiElimina
  17. Emilià la prossima volta che vado a Bozen te le porto, stai di strada ;)

    Lucià alla (vecchia) fiera di Roma ho fatto il servizio sicurezza 'no signora, di qui non si passa, di là' magari ce semo pure incrociati? era il 1991-92

    Giancà ma so nuotare e pedalare :P

    RispondiElimina
  18. Bella idea!! Molto coreografica. Assolutamente da copiare ed incollare ;)

    RispondiElimina
  19. Stè già da tempo ormai sei nella lista dei veri amici! ...ccivostra!!! :D

    Nino è la mia terza passione il fornello da cucina!

    Maurì come stai? E' un sacco de tempo che non te passo a trovà mannaggia!!
    La crostata prima della maratona è na mano santa!!

    RispondiElimina
  20. Guzzo no, senza far niente non so stare, su quello nessun dubbio! :)

    Lucià hofatto il lavapiatti sotto la tribuna della piscina dei fori nel mese di Italia90, lì avevano allestito il Villaggio VIP, giravano intorno a noi U2, Luca Cordero, Agnelli... lavoravo 14ore al giorno, un ora de pausa a 190mila lire al giorno... magari oggi a fà il lavapiatti a 200euro al giorno, firmerei col sangue!!

    Tosto che fico, mio figlio per ora fa solo l'assaggiatore! :D

    Lello na cifra de lavori, quello che più mi piaceva il controsoffittaro, la sera dopo lavoro me facevo i lavoretti miei privati, arzavo 'nsacco de sordi e sopratutto soddisfazione personale

    RispondiElimina
  21. Marco, quella era tonda, ci sono paste sfoglie anche rettangolari, e allora li le pizzette vengono perfette! ;)

    RispondiElimina
  22. me so' scordato le comparse a cinecittà!
    alla fiera era l'84, 12 ore al giorno x 40.000 lire + pasti gratis.
    e nel frattempo studiavo all'università.
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  23. Scusate ma io ho fatto SERVIZIO D'ORDINE al PRIMO concerto di VASCO a San Siro 1990 :-)

    RispondiElimina
  24. No, questa sfida non la faccio ... a 52 anni potrei scrivere molto, ma preferisco fa parlare i fatti ... a pescara

    RispondiElimina

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi